In questi giorni più lenti non sono mancate le telefonate di persone interessate alla preparazione di un preventivo. Lavorando online dal lontano 2011, faccio sempre molto attenzione a come si pone il mio interlocutore, cercando di captare ogni sua possibile esitazione, ogni singolo dettaglio dell’atteggiamento.

Proprio grazie a questo approccio e alle antenne che cerco di tenere sempre alta considerando la mancanza dell’interazione fisica, ho avuto modo di riflettere su una telefonata che è partita con il piede sbagliato. Come mai? Perché la persona dall’altra parte della cornetta era eccessivamente innamorata del suo business.

Dopo le presentazioni di rito, infatti, ha aperto una lunga parentesi dedicata ad alcuni nomi del settore specialistico a cui è dedicato il suo sito, soffermandosi nel dettaglio sul loro percorso professionale. Nessun cenno a cosa si auspica di cambiare nella vita delle persone a cui questi contenuti sono destinati.

Una falsa (e pericolosa) partenza

Con basi così, partire nella redazione dei contenuti sarebbe a dir poco pericoloso. L’amore profondo per il proprio progetto è da un lato positivo e rappresenta uno sprone per passare dall’idea alla sua concretizzazione. Dall’altro, invece, è un pericolo perché, come in qualsiasi relazione, se si è focalizzati eccessivamente sulle proprie esigenze si rischia di provocare l’ira dell’altro polo del rapporto.

Anche l’incontro tra una persona interessata a un prodotto o a un servizio e il contenuto testuale che lo descrive è una relazione che, come sopra specificato, deve essere nutrita ‘uscendo’ dall’orizzonte dell’innamoramento ed entrando in quello dell’amore.

Che differenza c’è? Nel primo caso si è focalizzati in tutto e per tutto sull’entusiasmo e sull’emozione. Nel secondo, invece, ci si impegna con costanza per rendere felice la persona scelta, considerando le sue esigenze a breve a lungo termine. Per essere davvero efficace, la relazione tra chi redige un contenuto e il target a cui è rivolto quest’ultimo deve basarsi su quanto appena descritto.

Hai mai riflettuto sulla qualità della relazione che si crea tra i contenuti testuali del tuo business e chi li legge? Ti sei mai soffermato su come possono cambiare non la tua vita, ma quella di coloro a cui sono destinati? Aspetto, se vorrai lasciarla, la tua risposta nei commenti.